Seleziona Pagina

Via del Sale 2010

Via del Sale 2010

LIMONE PIEMONTE, 26 giugno 2010

Una Banda di bimbi

Un gruppo di bambini che gioca offre uno spettacolo essenzialmente sacro.
Che poi questo accada in un polveroso campetto di periferia, in un parco o su di una strada poco importa.
Godetevi questi momenti, bambini, non è facile essere felici. Se vi appare incongruente quello che state leggendo, diremo poi il perché.

Limone 1400 è un aneurisma che dilata, sino a farla scomparire, la vecchia strada per il colle.
Malefici funghi cementizi si alzano ai lati delle radure d’asfalto, cresciuti da spore lanciate dall’urbanistica anni sessanta avida di alloggi a basso costo.
Da questo desolante centro di avidità partono più sciovie, arti di acciaio che graffiano stabilmente il verde scuro del bosco.
Nessuna riflessione, nessun affetto ha salvato questo angolo di Piemonte. Un desolante, e innaturale, silenzio circonda l’incongrua piscina. I due gestori, a cui chiediamo di poter riempire le borracce, paiono personaggi di Buzzati. Attendono, vicini alle griglie e armati di spiedini, improbabili orde di turisti. Un vecchio camper pubblicizza gite al e escursioni all’isola Gallinara. Occorre riflettere sull’ambiguità della natura umana, sei qui e vorresti esser altrove.
Seguendo questo terribile pendolo di Foucault ci saranno racconti autunnali di difficile comprensione (…non era in vacanza in ?).

La strada recupera la sua integrità.
Fra i prati e la fioriture estive il gruppo si sgrana. I tornanti, disegnati con pendenze mai eccessive, ci guidano verso il confine. Ogni sguardo è un’immersione colorata, una tavolozza viva di Musante.
In basso, bloccate dalla crisi economica, ma sempre pronte a riprendere l’avanzata verso le Terre Alte, le truppe cementizie nei loro accampamenti. Potrebbero bastare alcuni inverni più nevosi del solito, a risvegliare il silente gigante edilizio che si ciba di natura e condoni tombali.
Viene da Fossano l’ignoto e simpatico cicloturista. Con il suo accento torinese ci offre la sua solidarietà sui tornanti prima di tornare alla pianura.
Di lui sappiamo solo questo: ci basta per annoverarlo fra gli amici di giornata. Mancano poche centinaia di metri alla cresta. La posizione incongrua del cippo di confine, in basso e a mezzacosta, ci ricorda che abbiamo sfidato l’Europa e il Mondo.
Perdendo.
Non fu, purtroppo, solo una partita di calcio.
In questo blocco di granito targato 1947 ci sono i sogni infranti di Mussolini. La pugnalata alle spalle dei nostri vicini francesi rivelò, sin da subito, un suicidio.
Nel freddo giugno del 1940 centinaia di soldati italiani congelarono su queste strade cercando, invano, di raggiungere i fondi valle e il mare. L’inizio tragicomico, se non ci fossero stati i morti, del Secondo Conflitto mondiale ci segue. Lo rivediamo attraversando i vecchi forti ottocenteschi e appollaiandoci sulle, più recenti, rovine di cupole in cemento armato che guardano verso la Valle Roya.
Il Tabourde è un magnifico belvedere. Di fronte, a ovest, la Valle delle Meraviglie con i suoi antichi graffiti rupestri.
A sud, una prua di roccia che aspetta vento amico per raggiungere il mare. In basso i mille tornanti incisi nella roccia che salgono verso il Col di Tenda. Spargendo vividi colori le praterie alpine vivono la loro breve estate. Il vestito a festa della brughiera serve ad attirare in quota gli infaticabili insetti impollinatori.
Riusciamo, non è difficile, a perderci in questo spettacolo. Siamo bambini in una favola ben raccontata.
Le ginocchia della montagna, Nonna grata e accudente, ci cullano in infiniti giochi di luce e cambi prospettici.
Riceviamo i rimbrotti dei più grandi che vivono con apprensione i nostri mille scatti fotografici, siamo in ritardo…per il pranzo, per tornare, forse nella vita tutta?. La nostra sindrome di Arsenio Lupin non si placa. Siamo, speriamo di esserlo, ladri di immagini. In fuga alla ricerca della giusta, e sempre sfuggente, prospettiva. Il passaggio al Col della Perla è il rientro definitivo in Italia.
Lanciamo gli ultimi sguardi verso l’orizzonte che nasconde il Mediterraneo. Inattesa risalita, l’ultima, fra laghetti verdi e muri di neve sino al Colle Campanino.
Inizia la discesa.
Veloci pendii a traverso le piste si alternano con tratti di tecnico single track. Una piroetta, fortunatamente innocua, catapulta nell’erba il ciclista distratto. Unico danno postumo la perdita della borraccia.
I più veloci si sfidano nel ripido, bellissimo, bosco.
Gli Dei puniscono l’azzardo gratuito: c’è chi paga col sangue, chi solo con una foratura.
Macchie gialle a bordo strada, le ultime fioriture di maggiociondolo appassiscono sotto il sole.
Con l’asfalto tornano le regole che vigono in città. Riappaiono spettri di mogli accudenti che esigono rientri veloci, si alzano voci suadenti e remissive frasi sussurrate.
Gli adulti stanno con l’orecchio al telefono.
Parlano con toni gravi.
La serietà nasconde l’inevitabile.
L’ansia, malattia incurabile, segna come un aratro il confine adulto/bambino. Nell’ultima birra si perde la fiaba.
Resta, sul verde del prato, una banda di bimi che gioca.

NOTE TECNICHE

L’antica fu strada di commerci, legali e non, attraverso le Alpi Liguri e il Mediterraneo.
Le sue acciughe, a coprire illeciti traffici salini, hanno inventato la “Bagna Cauda” e le successive alitosi ammazza vampiri.
Innumerevoli strade militari sono, oggi, campo di gioco per le e tracce per notevoli escursioni.
Le immagini sono state scattate percorrendo il tracciato della gara MTB “La Via del Sale”.

Circa l'autore

Re Leone

"Professore di Istituto Superiore. Appassionato di montagna che ha cominciato a frequentare sin da piccolo. Maratoneta e Biker instancabile. Legge di tutto, con preferenza per Mario Rigoni Stern. Cartografo ufficiale del Team DAHÜ, da lui partono quasi tutti gli itinerari più suggestivi. Componente della "Pattuglia Astrale", costola del Team DAHÜ che si dedica alle lunghe distanze, ha raggiunto Roma percorrendo la via Francigena nel 2010 e i Sentieri Francescani fra Toscana e Umbria nel 2011"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pagina Facebook

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Articoli recenti

iscriviti al nostro canale

Archivi

Questo sito utilizza i cookie, necessari al funzionamento ed utili per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Puoi continuare a utilizzare questo sito senza accettare il caricamento dei cookie o cliccare su "Accetto" e permettere il loro utilizzo. Se vuoi saperne di più consulta la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi